AION, CHAIROS, CHRONOS, CHAOSMOS. IN QUANTI MODI CHIAMARE IL TEMPO

Agostino diceva che alla domanda “che cos’è il tempo?” non avrebbe saputo rispondere, eppure lo sapeva, bastava non chiederlo. Il tempo è un paradosso logico-matematico, che corrisponde a un paradosso dell’esperienza vissuta. Cos’è il tempo per una persona autistica? Per un melancholico? Per una persona urgente, come il “Giovanni telegrafista” di Jannacci? Per Stephen Dedalus e Leopold Bloom? Per la teoria delle Catastrofi? Durante l’incontro si cercherà di rispondere insieme con l’ascolto e la lettura. Senza mai chiedersi cosa dobbiamo fare. La “lotta contro il tempo” è il male dell’“uomo bianco occidentale”, dalla sessualità ai programmi scolastici, al rapporto ritardo/puntualità, al gioco d’azzardo fino alla guerra. Il tempo c’è, non saremo mai come Dio.

Pietro Barbetta è psicoterapeuta sistemico-relazionale e autore di molti volumi a tema clinico e letterario. Tra i più recenti, La follia rivisitata (Mimesis, 2015), Louis Wolfson: Cronache da un pianeta infernale (curato con Enrico Valtellina, Manifestolibri, 2014), Lo schizofrenico della famiglia (Maltemi, 2008), Figure della relazione (ETS, 2007), Anoressia e isteria (Cortina,2005).

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest

Lascia un commento